Home » SAFETY

SAFETY

SAFETY per l’automazione di impianti e processi produttivi

Un macchinario a norma di legge non deve causare danni agli operatori, alle altre attrezzature ed all’ambiente.

Per questo motivo una parte fondamentale della progettazione di un macchinario automatico è lo studio della sicurezza, detta SAFETY in inglese.

Contestualmente alla progettazione di un macchinario viene svolta l’analisi dei rischi, una procedura prevista dalla normativa vigente (Direttiva Macchine) che prevede l’individuazione di tutti i rischi presenti nel macchinario e l’implementazione di azioni di mitigazione..

Alcuni rischi possono essere facilmente eliminati proteggendo con griglie o pannelli fissi le zone più pericolose di una macchina.

Altri rischi invece derivano dal funzionamento stesso della macchina (alte pressioni, alte temperature, organi in movimento) e quindi non possono essere eliminati ma devono essere gestiti in modo sicuro tramite logiche di sicurezza.

Per implementare queste logiche di sicurezza vengono utilizzati componenti detti appunto SAFETY: solitamente si tratta di sensori e attuatori SAFETY gestiti da centraline dedicate o da speciali PLC programmabili.

È necessario che le logiche di sicurezza vengano svolte da componenti SAFETY proprio perché in gioco non c’è solo la qualità della lavorazione in corso, ma soprattutto la sicurezza dell’operatore e l’integrità strutturale dello stesso macchinario e quindi è fondamentale che un singolo guasto (ad esempio di un sensore) non pregiudichi la sicurezza complessiva.

I componenti SAFETY (centraline, PLC, sensori, attuatori) sono caratterizzati da sistemi di autodiagnosi e ridondanza ai guasti.

Le centraline risultano comode per macchinari semplici perché non richiedono programmazione ma proprio per questo sono poco flessibili e quindi per macchinari più complessi la scelta solitamente cade sui PLC SAFETY.

Se una grandezza monitorata da un sensore SAFETY raggiunge un livello ritenuto critico (per esempio una pressione troppo elevata) oppure viene rilevata la presenza dell’operatore in una zona pericolosa (ad esempio tramite una barriera fotoelettrica) il PLC SAFETY interviene immediatamente fermando il macchinario e riconducendolo in una condizione di sicurezza.

Contattaci per l’analisi dei rischi e lo studio della sicurezza, SAFETY, per progettare o avere un macchinario a norma di legge.

contattaci

Plumake digitalizza la tua azienda con il PLC

Compila il form per chiedere informazioni o fissare un appuntamento.